Campionati

Seconda giornata veronese per i leoncini

29 Gen , 2020  

Seconda giornata di TSP per i 7 giovani leoncini che si spostano in quel di Verona per scalare la classifica! Scalare! Appena arrivati, i leoniani che non gareggiavano, finiscono a far colazione in un losco bar del veronese gestito da cinesi, occhio al virus! Torneo che parte subito senza la possibilità di riscaldarsi e questo, in parte, penalizza i nostri atleti…

Palestra veronese con Umberto in bella vista

I gironi della mattinata non regalano enormi emozioni fatta eccezione per un terzo posto sfortunato di Umberto e per un primo posto di Matteo che conclude il primo girone imbattuto! Da notare il buon Pietro che si porta il libro di inglese e tra una partita e l’altra si rifugia in tribuna a fare esercizi, ma bravo! Apprezzabile anche come, per non dover battere le altre società, i leoni si mettono d’accordo per arrivare ultimi in modo da non umiliare troppo gli avversari ma giocarsela tra compagni. Purtroppo Marco Massignani non resiste alla tentazione di vincere e si ritrova quarto. Furbetto. Finiscono i gironi e tutti di corsa in pizzeria. Dopo aver riempito gli stomaci e stancato gli animi si ritorna al palazzetto per il girone pomeridiano. Nella strada verso il palazzetto tutti gli atleti devono farsi strada tra la “calma” tifoseria veronese che regala bandierine a chiunque passi a tiro. La bandierina di Samuele è tutt’ora dispersa… Tra i gironi pomeridiani spicca quello degli ultimi formato da 4 leoniani su 5 (Alina, Nicola, Pietro e Samuele) vinto, sorprendentemente, da uno straordinario Pietro e dai suoi top. Da notare il fantastico riscaldamento di Pietro che, con Nicola, confonde per un attimo pingpong e teqball. Immancabile il tentativo di sabotaggio: tre leoni usciti a prendere una boccata d’aria vengono chiusi fuori e viene proibito loro di rientrare da un’irascibile guardia napoletana anche dopo che viene dimostrata l’appartenenza ad una squadra di pingpong.

Tutta l’allegra combriccola dei giovani pongisti con Presidente Regionale

PAGELLINE

  • Alina, 7: girone della mattina con puntini trattati e antitop marci, fa quello che può. Al pomeriggio è l’unica a mettere in difficoltà il Pietro e a strappargli un set anche se poi il Pietro riesce a prendersi la rivincita dallo scorso TSP.
  • Nicola, 7: finisce nel girone peggiore al mattino con, probabilmente, i tre migliori atleti del torneo (tra cui il vincitore). Nel pomeriggio non può nulla contro la forza travolgente di Pietro.
  • Marco, 7 e mezzo: finisce quarto nel girone d’andata grazie alla vittoria su un Samuele un po’ svogliato. Nel girone di ritorno bho… stavano tutti guardando l’altro girone… povero Marco!
  • Matteo, 9 e mezzo: ottima prestazione nella mattinata, nel pomeriggio le partite sono più dure ma riesce comunque a farsi valere e a ottenere un quinto posto.
  • Pietro, 9: il primo tra gli ultimi, il migliore dei peggiori. Nonostante un ottima prova alla mattina (vince la prima partita, anche se si accorge all’ultimo set che l’avversario era mancino e mette in difficoltà la seconda in classifica del torneo, un set finisce 20 a 18), arriva ultimo per differenza set e lì distrugge chiunque si trovi sul suo cammino, compagni di squadra compresi. Notevole.
  • Samuele, 6 e mezzo: partite sottotono, da lui ci si aspetta di più, nonostante ciò anche lui vince un paio di scontri sia nel primo sia nel secondo girone. Almeno è quello che muove di più le gambe.
  • Umberto, 9: arriva terzo alla mattina ma solo per colpa di qualche retina, poteva tranquillamente essere primo. Al pomeriggio, forse un po’ appesantito dalla pizza salame piccante e gorgonzola, non spicca ma ottiene comunque un paio di vittorie. È il leoniano che si è classificato più in alto nella categoria Allievi-Juniores.
Leoncini rossi con accompagnatori al seguito

COMMENTI

Ma non poteva farla Carlo la recensione?

Il commento di Claudio il Polemico (che non c’era)
Uomo partita: omaggio al Pietro.
Il colpo di testa del Pietro

CLASSIFICA AL SECONDO INCONTRO

, ,



I commenti sono chiusi.