Campionati

Jazz da alta classifica

10 Nov , 2019  

Partita difficile e per lo più in assenza, per forza maggiore, del nostro Capitan Maurizio. Tra gli avversari vi è il misterioso e silenzioso Bonollo con un 100% di vittorie che incute timore. La giornata parte con una caduta di Frigo all’ingresso della palestra sollevato dal Conte e dai compagni di squadra… segno premonitore? I nostri professionisti sono ad allenarsi già dalle ore 14.30: Maestro Antonio e l’infaticabile Nicola.

Ecco gli esercizi di riscaldamento sul servizio nel prepartita

La tensione c’è e anche una lunga diatriba su come è meglio fare la formazione: A, B, C, B, C, A, A, C, B. Per fortuna si indovina la combinazione favorevole con l’apporto del Carletto della C2 (a cui vanno i nostri ringraziamenti sentiti). La questione è che il Bonollo ha già due punti in tasca. E così sarà. Né Nicola né Conte riusciranno a strappargli neppure un set… Ma intanto il Maestro Cinese conquista punti. Ma andiamo con ordine.

Il primo incontro vede il giovane attaccante Meneghini contro il Conte. Tutti e due sono impauriti e tesi. Ne nasce una partita bruttina dove per lo più si palleggia o si fa punto di servizio. Se si va allo scambio il ragazzo è molto più veloce, forte e preciso. Insomma gioca. Partito 2 a zero il Conte timoroso e insicuro si fa recuperare male 2 a 2. A bordo campo i compagni: “devi cercare di aprire di più, specie sul suo dritto perché di rovescio ti attacca bene” e contemporaneamente Carlo: “devi stare più calmo e palleggiare”. Per fortuna alla fine il ragazzo si dimostra più impaziente e frettoloso così il Conte vince in qualche modo per 3:2 con molta sofferenza.

Il secondo incontro vede Nicola versus Bonollo. Impassibilmente l’avversario stando lontano dal tavolo, non muovendosi affatto e all’apparenza solo palleggiando quasi piatto: piazza dove vuole, sbaglia mai e spiazza l’avversario con palle all’apparenza “semplici” ma che colgono Nicola in controtempo o spostato o addosso. Niente da fare. Non si capisce bene come fa.

Nicola prova a sedare il Bonollo con un taglione di rovescio

Ora l’ingresso in campo del Maestro contro il Manea che indossa un puntino medio sul rovescio. Forse abbiamo sottovalutato l’avversario che si è fatto più ostico e strappa ai vantaggi il primo set ma poi Antonio capisce come giocare e piazza un 3:1 per i Leoni.

Segue un misterioso Bonollo che neppure suda una goccia per liquidare un Conte inerme. Partita fotocopia di quella con Nicola. Il nulla. Addirittura il primo set Bonollo surclassa l’avversario lasciandolo a 4. Partita da dimenticare. E Bonollo fa i due punti da programma senza scomporsi.

Siamo a 2 pari. Eccoci ad una partita decisiva: Maestro Antonio contro il giovane attaccante da non sottovalutare. L’esperienza non è acqua e Antonio parte in quarta vincendo molto bene i primi due set, attaccando anche lui e si assiste a belli scambi prolungati con top e contro top! Poi la sindrome del Conte lo contagia, si innervosisce un po’ ed eccoci al temuto 2 pari. L’ultimo set Antonio caccia il Carletto che voleva dar consiglio… Tensione nell’aria. Episodio epico il servizio tagliatissimo di Antonio, così tagliato che parte la racchetta insieme alla pallina e alla risposta dell’avversario Antonio attacca di mano con una sberla alla palla… Set ultimo equilibratissimo fino ad un 9:9. Ma il nostro Maestro tocca i tasti giusti per agguantare in extremis un 11:9 che ci porta al 3:2 per i Leoni. Ben fatto caro.

Gioco veloce, gioco rapido: Meneghini vs Tessoni

Ora Nicola, con il suo sguardo imperscrutabile, non trapela emozioni apparenti, ma dovrà scendere in campo per decretare la vittoria o meno della sua Leoniana Jazz. Contro Manea più esperto, più riccio e più puntinato. Ma Manea non sa che Nicola non molla ed ha un’arma vincente: il suo attacco preciso di dritto. Mai sottovalutare un mancino! I set sono combattuti al 7 al 8 al 9 ma Nicola è solido concentrato e non soffre più di tanto il puntino. Conduce tutta la partita giocando molto bene e chiudendo con un ottimo 3:1. Porta in trionfo i Leoni per 4:2 con una partita molto migliore delle aspettative dei compagni. Il Jazz suona ancora sulla vetta più alta.

PAGELLE

  • Maestro ANTONIO: partite disputate 2, punti 2 – voto 8. Gioca bene riscattando la prestazione della precedente partita, è l’unico a fare due punti. Ha solo due set di calo contro il giovane Meneghini.
  • CONTE: partite disputate 2, punti 1 – voto 6 1/2. Perde molto male con Bonollo di cui non capisce quasi nulla. Rischia di perdere con il giovane. Fa il minimo sindacale.
  • NICOLA l’attaccante sinistro: partite disputate 2, punti 1 – voto 8+. Gioca molto bene la partita decisiva con il peso psicologico di decidere le sorti del match.
  • DAVIDE trainer ufficiale: partite disputate 0 – voto 8. Ottimo sparring è lui a riscaldare l’intera sua squadra e a tifare e consigliare a bordo campo. Grazie caro.
  • Capitan MAURIZIO = punti 0?, (fuori servizio).
  • UOMO PARTITA = Nicola.

COMMENTI

Partiamo con un deficit virtuale di 2 punti per la presenza di Bonollo, ma azzecchiamo la formazione giusta per limitare i danni. Andrea vince la prima partita tirata contro un avversario ostico, che per fortuna parte bene ma poi si perde, mentre il Conte cresce. Gli incontri proseguono poi come da programma, qualche brivido ce lo dà Antonio che si rilassa sul finale di una partita praticamente già in tasca, ma con un colpo di reni agguanta il 3-2 per noi. Alla fine sono molto contento della mia ultima partita, in cui gioco più sciolto nonostante l’avversario puntinato: grazie Aldo e Maurizio per gli allenamenti con i puntini!

NICOLA

Leoniana Jazz vince in ritmo sincopato mandando fuori tempo il TT9 Elte. Ottimo match quello condotto dalla Leoniana Jazz a cominciare dalla strategia imbeccata dal Tode e confermata dal Carletto supervisore.
Parte il Conte che in scioltezza si porta sul 2 a 0. Ma il Meneghini non molla e si riporta in parità. A questo punto il Conte sfodera la nobiltà del tocco e porta a casa il primo punto!
Nulla da fare per l’ottimo Nicola contro l’esperto Bonollo che disegna diagonali incrociate senza scampo!
Tex il cinese dopo un primo set di osservazione, perso ai vantaggi e con il diesel ormai caldo, inserisce la sesta marcia e infila i tre set seguenti. 2 a 1 per i Leoni.
Anche il Conte cade nelle geometrie angolate del Bonollo anche se nel secondo e terzo set da prova della sua nobiltà d’azione mettendo in difficoltà il super veterano!
2:2, siamo in parità.
Ma adesso i Leoni fanno partire un ragtime che il TT9 non può dirigere! Tex parte con un ritmo sincopato che lo porta sul 2 a 0. Poi però si ferma ad ascoltare la sua musica addormentandosi e il Meneghini ne approfitta per riagguantarlo. Quinto e decisivo set. Qui Tex mette in campo l’arte della concentrazione cinese e controllando freddamente la situazione (ma neanche troppo) porta a casa il punto del 3 a 2.
A questo punto arriva il capolavoro di Nicola che con l’ostico Manea, dotato di puntino lungo, mette in campo un ritmo di gioco vario ed efficace (da vero jazzista di rango) che lo porta a chiudere per 3 a 1 e a dare la vittoria alla Leoniana Jazz!
Mentre il nostro Spiller batteva con insistenza e da bordo campo un ossessivo ritmo sincopato, Capitan Maurizio, il grande assente, vigilava con il suo spirito sul match profondendo l’anima improvvisativa del Jazz!!!

MAESTRO TEX TESSONI
I tre leoni mostrano le fauci (Davide è fuggito) stanchi, sudati ma… soddisfatti del lauto pasto

RINGRAZIAMENTI

Ringraziamo il nostro riscaldatore personal-trainer Davide Skiller per la pazienza. E naturalmente il Carletto per i preziosissimi consigli (Carletto offri la birra!). Un grazie speciale al nostro nuovissimo Giudice Arbitro Fabio da Sovizzo, al debutto, che porta fortuna: nessuna Leoniana perde oggi in casa! Una chicca: la presenza di Tommy Scalco con l’intera famiglia: compagna e due figliuoli che sicuramente avvicinerà al nostro sport. Un gemellaggio di rappresentati delle C2, D2 e D3 Fin si trovano a pasteggiare a paninazzi nel dopo partita al locale dell’Incredibile Guido. Basta ascoltare il pop, ascoltate il free jazz.

COLONNA SONORA

Paolo Fresu “Dolomiti sky jazz” 2015

, ,

Campionati

Ping pong palustre concentrato

15 Ott , 2019  

Primo concentramento per la D2 Jazz nel magnifico contesto del “Paleste”, immerso in un’atmosfera palustre delle prime e fitte nebbie padane e raggiunto dai nostri prodi, a bordo della comodissima autovettura familiare di Nicola “l’impassibile”.

PRIMO TURNO CONTRO “TT STAR ESTE”

La più facile sulla carta con avversari alle prime armi. Si rivela una squadra materasso, livello passeggiata. La loro formazione è composta da un giovanissimo allegro, un neofita che gioca da sei mesi e un serio signore di esperienza, che non parlava mai: sfoderava improvvisi e inaspettati piattoni di rovescio, ma che era molto nervoso e impulsivo; schiacciare di rovescio era per lui imperativo categorico. I Leoni vincono per 6 a zero, con un solo set perso, poco altro da aggiungere.

Il nostro Nicola alla prima sfida della giornata (…già il tabellone manca dello zero)

Due punti su due agguantati da Nicola, con grande eleganza e con lo spirito giusto. Il tabellone punti era ingestibile: si staccava sistematicamente il numero 4 (dal 3 si passava direttamente al 5), rendendo esilarante e controversa la giocata: cadeva a ogni set e l’arbitro avversario, il serio, sbuffava ma non parlava. Anche le società ricche come l’Este hanno i segnapunti che cadono a pezzi… Intanto il giovanissimo allegro mentre giocava (e perdeva) si ripeteva ossessivamente, come un ritornello, “testa, testa, testaaaa…” (e aveva ragione): purtroppo per lui, mentre giocava era abbandonato a se stesso dal resto della squadra che… se ne andava in giro per il “Paleste”.

Capitan Maurizio di dritto contro Signor Serietà

“Devo essere più rilassato e aumentare le aperture, comandare un po’ di più il gioco. La versione concentramento del campionato non mi dispiace perché si fanno più partite nella stessa giornata”.

NICOLA
Ecco Nicola che carica un toppone che, il neofita, non può che bere

SECONDO TURNO CONTRO “TT MORTISE PADOVA”

Finito il primo turno, un quarto d’ora per ingurgitare un paninetto, condito con abbondante frutta secca, e parte il secondo turno. Prima dell’inizio della partita il Capitano andava a sollecitare gli avversari del Mortise a presentarsi in campo, mentre loro ad occhi chiusi si erano calati in un inamovibile stato di meditazione trascendentale prima del match. Altro approccio…. Altro livello. Gli avversari: il fascetta Antonio, lo Storto e la Claudia, rarità di femminile gentilezza.

Il fascetta costringe il Maestro ad accartocciarsi

Al “Conte Rosso” la sorte assegna per l’ennesima volta, suo malgrado, l’amaro Storto e commenta al Capitano “ma ti avevo detto che non ci volevo giocare contro…(?!)”. Ciononostante si aggiudica un importante 3:2: al quinto set, sul 9 a 9, la squadra chiama un propizio timeout, dopo il quale riesce a controllare psicologicamente l’avversario e combattendo da vero Leone, chiude deciso l’ultimo set con un meritato 11 a 9. Questa sua partita, molto sofferta, risulta la più combattuta della giornata, che porta un importante punto che consente alla squadra di rimanere in gioco per la possibilità di vittoria finale.

La Claudia contro Captain Mix

Il Maestro Antonio è in giornata no, perde purtroppo entrambe le partite, la prima 3:2 contro il fascetta Antonio e la seconda 3:0 contro lo Storto. Soprattutto nella seconda, non riesce a cambiare tipo di gioco in funzione delle risposte con anti-top dell’avversario, come suggeritogli anche a bordo campo dai compagni di squadra. Questo il suo coerente commento a fine gara: “Non ero lucido e non ho gestito bene le partite. La prima un po’ meglio, ma non era assolutamente da perdere; la seconda mancava la concentrazione e l’applicazione della tattica giusta”.

Sfida tra espertoni dominata dal puntino del Capitano Leoniano: ciack

Partita dominante la seconda di Capitan Maurizio contro l’ostico signor fascetta Antonio. Controlla bene e riesce ad annullarlo in un gioco molto tattico e di testa, portando a casa un netto e prezioso 3:0.

Una foto mossa omaggio a “Scoordinator” (ex-leoniano del 1995), ad intenditor…

Non c’è speranza per la riserva femminile degli avversari, la Claudia che comunque, se lasciata giocare, mostrava buona tecnica e sprazzi di bel gioco. Contro il Capitano il suo allenatore gli suggeriva “non forzare il gioco, gioca delicata, delicata……“, ma i tagli e il puntino del Capitano non sono facilmente digeribili dagli inesperti. Con il Conte parte convinta, mentre lui gioca cavallerescamente in difesa, mandando di là piacevoli e delicate palline all’avversaria. Così mentre il Conte inizia perdendo 5:1 con la ragazza al primo set, il Maestro Cinese gli intima: “deso, o te sughi o ti strappo i co***oni“. Alché il Conte Rosso si ravvede, e diventando più rude e brutale, vince la partita senza nulla cedere al fascino del femminile.

La tenzone finisce 4:2 per i Leoni del Jazz vicentino (aiutati anche dal fatto che il loro terzo titolare, anche se abbordabile dai Leoni, dopo il primo turno se n’era andato a casa dai suoi due piccoli gemellini di un mese).

PAGELLINE (complessive dei 2 turni di Concentramento):

L’impassibile NICOLA: partite disputate 2, punti 2 – voto 8. Gioca bene e vince tutte le partite. Rimane concentrato e con la grinta giusta…… Ottimo rientro Leone!

Il Maestro ANTONIO: partite disputate 3, punti 1 – voto 5. Perde di poco una partita alla sua portata e si innervosisce, poi non riesce più a dare il massimo. Sintesi della giornata: “Dritto di Antonio non pervenuto”.

Il CONTE Rosso: partite disputate 4, punti 4 – voto 7-. Rientro in campionato dopo un anno e mezzo sabatico, più bagordi matrimonio il giorno precedente (questa era stata la scusa anticipata preventivamente durante il viaggio di andata, in caso di eventuale sconfitta): insicuro dice umilmente lui…. ma mica tanto dice il Capitano!

MAURIZIO Capitan Coraggio: partite disputate 3, punti 3 – voto 8. Gioca bene e amministra bene le sue energie. E’ a trazione diesel: parte piano poi recupera ed entra in partita giocando di testa e di tattica. Commento a fine giornata: “Sono contento per la squadra perché con concentrazione abbiamo portato a casa 4 punti, giocando tutti almeno due partite, divertendoci e riuscendo a portarci in testa alla classifica: la prossima sfida contro l’ELTE di Schio si presenta decisamente più impegnativa, ma ci prepareremo al nostro meglio, con determinazione”.

Ridendo e scherzando godiamoci il temporaneo (e alquanto ballerino) primo posto in classifica.

COLONNA SONORA

Ray Charles “Mississippi Mud” 1982

Il “Paleste” si conferma tra i nomi più brutti ed ingannevoli dei siti in cui andare in trasferta, ma indubbiamente tra i posti più belli dove poter pongare in Veneto…… Prima il Ping Pong!

Il Capitano (per par condicio) chiede di inserire: il bengentile “Conte Rosso” in agguato contro “Signor Serietà”

, ,

Campionati

Tutti quanti voglion fare il jazz?

11 Ott , 2019  

Esordio in campionato sabato per i Leoni della D2 soprannominati “Jazz”, si…. perché secondo la teoria di questa nuova formazione di pongisti: LA POTENZA E’ NULLA…. SENZA IMPROVVISAZIONE!

Nuovo logo per la Leoniana D2 Jazz

La squadra, ancora in fase di rodaggio, è composta da: il Capitano Maurizio (una certezza); il Maestro Antonio (Bach & Topspin); il ritorno di Nicola (il Rigobello); il giovine della squadra Davide, probabile riserva lo straniero misterioso Joshua e Andrea (il Conte) che per la prima giornata si sacrifica a fare da giudice arbitro per tutte e cinque le formazioni Leoniane scese in campo.

Antonio col rovescio musicale che assorda l’avversario

Gli avversari di Este si dimostrano quattro “espertoni”, a noi per lo più sconosciuti. La partita risulta nell’insieme equilibrata, come dimostra anche il pareggio finale. Le partite più interessanti sono il rientro dell’ex Nicola in Leoniana (dopo trentanni di assenza!) che fa vedere un gioco elegante e un buon controllo; perde con onore contro un avversario più esperto e tradito dalla leggera tensione giustificata dai lunghi anni di assenza dalle gare. Bellissimo vedere Matteo, suo figlio, assistere con emozione alla partita del padre, dall’adiacente panchina della D3 Fin.

Nicola dopo 30 anni torna in campo Leone!

Poi lo scontro puntino contro puntino di Maurizio che, dopo due set vinti facili in attacco, viene messo in difficoltà dall’avversario che lo chiude nell’angolo del rovescio in un estenuante gioco di controllo.

Scontro doppio-puntinaro: “ma tu la gomma la tratti?”

La partita del giovane Davide infine che, subentrato a Nicola, gioca per la vittoria ma cede al quinto set non riuscendo a essere incisivo e giocando troppo lontano dal tavolo, praticamente solo di difesa. Peccato!

Il Davide contro Golia?

Comunque la giornata finisce con un pareggio di 3:3. Nell’insieme c’è ancora molto da lavorare per i Leoni del Jazz. 

PAGELLINE

Capitan Maurizio, 7 / punti:2
Controlla bene la prima partita contro Magonara chiudendo 3:0. Qualche difficoltà nel secondo incontro combattuto contro il puntino avversario di Tasso, dove comunque stappa proficuo 3:1, portando a casa due punti decisivi per agguantare il pareggio della squadra.

Maestro Antonio, 6,5 / punti:1
Una vittoria tranquilla nella prima partita per 3:1, mentre va in difficoltà nella seconda partita, forse un po’ sottovalutata, perdendo al quinto set contro Orlando: sappiamo che il Maestro sa orchestrare meglio.

Nicola, 6,5 / punti:0
Dimostra determinazione e un buon controllo di gioco, pecca solo un po’ in inesperienza contro la testa di serie avversaria… Ben tornato leone!

Davide, 6 / punti:0
Forse non ancora al 100%, non riesce a giocare come il Davide che conosciamo. Sa di dover lavorare di più sul suo attacco e sui servizi, ancora all’insegna del “piatto”.

Conte, n.c. / (riserva di lusso a riposo)
Nonostante si sacrifichi non giocando alla prima giornata, il suo contributo verso la squadra è sempre importante, grazie al suo spirito di squadra e al suo prezioso supporto a bordo campo…. sia di tipo tecnico… ma soprattutto di carattere proteico, elargendo la sua mitica “frutta secca” consigliata (a dir suo) dai veri professionisti del ping pong. Però al jazz preferirebbe l’heavy metal…

Uomo partita: Capitan Maurizio con le due vittorie su due.

COMMENTI

Mi sento arrugginito per le troppe vacanze e il troppo tempo passato lontano dal tavolo. Il nomigolo “giovine” non mi si addice gradirei il ritorno del portafortuna “Skiller”.

DAVIDE

COLONNA SONORA

Thelonious Monk “Don’t blame me” 1966

, ,