Alla seconda di debutto, i nostri impavidi Umberto e Marco capitanati da Ivo della D3, si trovano ad incontrare ed affrontare il Cornedo Tennistavolo: due puntinate ed una liscia. E il puntino sarà il leitmotiv.

Squadroni: il blu dei Cornedesi e il rosso dei Leoni

Alla prima partita Umberto si trova ad affrontare, guardacaso, una puntinata. Lotta strenuamente al primo set soccombendo agli spareggi, stremato perde confidenza e conclude con uno 0-3 inveendo contro il puntino.

Umbi piazza fuori (non capisce una fava del puntino)

Segue il Capitan Ivo contro due lisce, vince il primo set e sembra sicuro di sé ma poi soccombe 1-3. Peccato. L’avversario era alla sua portata. Probabilmente manca un po’ di esperienza di campionato.
Chiude la tornata Marco contro l’altra puntinata: 0-3. E leggero sconforto.
La seconda parte della giornata si apre con Ivo contro un puntino e si conclude brevemente con una disfatta 0-3. Niente sto puntino è proprio indigesto. Nonostante i consigli del Carletto a bordo campo…
Torna in campo l’Umberto e sfortuna vuole che incontri l’altra puntinata del Cornedo TT, anche in questo caso il risultato è un brutale 0-3. Ma cosa avrà mai sto puntino… Spuntino?

Marco salva la barca dall’affondare con il punto della bandiera

Nell’ultimo incontro Marco sfida l’unica liscia degli avversari, la lotta è all’ultimo sangue e Marco riesce a spuntarla con un 3-2 tirato, salvando l’onore della squadra. Bravo Marco.
Cornedo TT 5: 1 Leoniana Bilibio. Il maestro Bilibio avrebbe commentato: “Boia scheo!”.
In conclusione: il giorno del puntino. Riassunto: chi ha il puntino vince. La Leoniana Bilibio dovrebbe cogliere la sconfitta a base di puntino al dente per ragionare su due cose da allenare nell’immediato futuro: come si gioca contro il puntino e migliorare nella resistenza al palleggio prolungato.
E le pagelline? Non pervenute. Ma la recensione è così breve per evitare la figuraccia? Chi lo sà…
Il puntino che non ti uccide ti rende più forte.